logo
26 Nov 2009

“AIUTIAMOLI A CASA LORO”. LETTERA AL SEGRETARIO FEDERALE DELLA LEGA NORD, ON. UMBERTO BOSSI

“Usi ora lo stesso fiuto, senza paure e senza timore di perdere consensi, su un fenomeno che sarà uno dei più grandi problemi dei prossimi decenni”. Lettera di INTERSOS al Segretario Federale della Lega Nord on. Umberto Bossi per riflettere sul significato e le implicazioni della sua proposta di “aiutarli a casa loro” e per iniziare ad attuarla seriamente e con efficacia.

26 Novembre 2009

On. Umberto Bossi, Segretario Federale Lega Nord

Oggetto: Governo dell’immigrazione e “Aiuti a casa loro”.

Caro Onorevole Bossi,

se è vero che sull’immigrazione il linguaggio e le opzioni politiche della Lega Nord sono duri e intransigenti, è vero anche che in alcune delle città amministrate dalla Lega l’integrazione degli immigrati è visibile e positiva. Questo fatto mi induce ad aprire un dialogo con lei.

Lo faccio perché seguo queste tematiche fin dagli anni ’70, quando ero nella Cisl di Milano e con Cgil e Uil, alcuni docenti e studenti universitari e alcuni politici locali abbiamo centrato l’attenzione sul tema dell’immigrazione. Era il periodo in cui il Censis aveva realizzato il primo importante studio in merito e i dati, Istat e altre fonti affidabili, davano in Lombardia circa 50 mila stranieri, su un totale tra 320 e 400 mila stranieri residenti o temporaneamente presenti in Italia. All’epoca, con quei numeri ancora molto limitati, non sarebbe stato difficile mettere le basi per una sana, equilibrata, umana e al tempo stesso severa gestione dell’immigrazione. Ma la Politica è stata per ancora molti anni disattenta, possiamo dire fino al 1990, mentre l’Italia stava inesorabilmente cambiando. Ed è stato un grave errore.

Il nostro paese sta continuando a cambiare e la Politica non deve fare lo stesso errore di allora, limitandosi all’oggi senza guardare lontano. La storia muta, ineluttabilmente, e così le società e le dinamiche sociali a livello nazionale e internazionale, anche se la Lega vorrebbe fermarle. Anch’io talvolta lo vorrei. Ma sappiamo che  non è possibile ed è compito della Politica prevedere tali cambiamenti e le loro conseguenze future per poterli governare.

Ha pensato a cosa potrà significare nel 2050 (cioè domani) un’Europa con un deficit di manodopera di 50 milioni di persone e un’Africa che avrà probabilmente 4-500 milioni di persone in più? Ritiene davvero che si possa continuare ad affrontare simili problemi con la sola politica del contenimento e del respingimento?

La Lega ha saputo fiutare il cambiamento: usi ora lo stesso fiuto, senza paure e senza timore di perdere consensi, su un fenomeno che sarà uno dei più grandi problemi dei prossimi decenni.

Conosco da tempo la Somalia, quella di ieri e quella disperata di oggi (anch’essa risultato di una politica che non ha saputo guardare lontano). Vi sono somale e somali, a Torino, Milano, Bologna, Roma ecc. fuggiti dal loro paese nel 1991 all’età di 4, 6, 8 anni e che oggi si sentono italiani, torinesi, milanesi e così via, con un perfetto uso della lingua, spesso con laurea e specializzazione, con attività commerciali ben avviate. Continuare a “respingerli”, rifiutando loro la cittadinanza italiana, sostituendola con permessi di soggiorno temporanei non è né può rimanere un’azione senza conseguenze, ma scatenerà, prima o poi, qualche dura reazione. E’ solo un esempio, tra i tanti che andrebbero definitivamente affrontati.

Una delle sua frasi preferite è: “che stiano a casa loro” o, detto meglio, “aiutiamoli a casa loro”. Posso essere d’accordo con lei. Però facciamolo sul serio, non limitiamoci alla frase ad effetto riducendola ad uno slogan. Sollecitati dal suo “aiutiamoli a casa loro” e dalla sua proposta condivisa con il ministro Tremonti di introdurre a questo scopo la detax, abbiamo voluto capirne di più. Un breve studio, documentato da dati inconfutabili sul nesso povertà-migrazione e quindi sul rapporto migrazioni-cooperazione allo sviluppo realizzato nell’ambito degli approfondimenti della rete di Ong LINK 2007 (www.link2007.org), ha evidenziato che per iniziare ad attuare seriamente e con efficacia la sua proposta, occorrerebbe almeno quadruplicare, programmare e qualificare maggiormente la cooperazione allo sviluppo. Esattamente il contrario di quanto da anni hanno fatto i Governi italiani.

L’appello che le rivolgo, conscio delle difficoltà ma conscio anche delle sue capacità di fiutare come il mondo evolve, è che la Lega contribuisca a non lasciare insoluto questo problema che, se non correttamente e coraggiosamente governato ricadrà sui nostri figli e i nostri nipoti, forse definitivamente ingovernabile.

Con i più cordiali saluti,

Nino Sergi, Segretario Generale INTERSOS

Nino Sergi

Presidente emerito di Intersos, che ha fondato nel 1992 e di cui è stato segretario generale e presidente. In precedenza, dal 1983 fondatore e direttore dell’Iscos-Cisl, istituto sindacale per la cooperazione allo sviluppo. Nel 1979 direttore del Cesil, centro solidarietà internazionale lavoratori, fondato con le comunità di immigrati a Milano. Operaio e sindacalista. Studi di filosofia in Italia e di teologia in Francia.